Ucraina, la Nuova Zelanda annuncia ulteriori sanzioni alla Russia

Ucraina, la Nuova Zelanda annuncia ulteriori sanzioni alla Russia

Colpiti 170 membri della Camera alta e 6 società e organizzazioni.

Il governo della Nuova Zelanda ha annunciato oggi ulteriori sanzioni contro la Russia, prendendo di mira i membri dell’élite politica e il settore della Difesa del paese.
Colpiti in particolare 170 membri del Consiglio della Federazione russa, la Camera alta del Parlamento. Tra le entità colpite figurano anche sei società e organizzazioni, “che hanno contribuito all’assalto” in Ucraina, secondo una dichiarazione del governo neozelandese.
“Mentre la macchina da guerra del presidente Putin continua i suoi attacchi illegali e mentre vengono alla luce ulteriori rivelazioni di atrocità, siamo determinati a imporre dei costi alle persone coinvolte”, ha affermato la ministra degli Esteri neozelandese Nanaia Mahuta.
“Sosteniamo il popolo ucraino e ci impegniamo a ritenere responsabili il presidente Putin e i suoi quadri di guerrafondai”, ha aggiunto la ministra. Il Paese ha anche deciso di “vietare ulteriormente a coloro che sono stati già sanzionati di svolgere attività in Nuova Zelanda”, per evitare che lo Stato “diventi un rifugio finanziario sicuro per coloro che sono coinvolti nelle attività illegali della Russia in Ucraina”, ha aggiunto Mahuta.

 

Categorie
TAGS
Condividi

Commenti

WordPress (0)